Video


 


Appennino Ligure: testimonianze di vita e cultura contadina

In questo video alcune delle testimonianze della vita e cultura rurale legate ai minuscoli borghi e casolari isolati sopravvissuti all’ incedere del tempo.



Luoghi spesso difficili da raggiungere ed ormai condannati all’ oblio, solo in parte ancora vivi nella memoria delle persone anziane rimaste o nei ricordi di coloro che questi posti li hanno solo sentiti nominare dai loro nonni. 


Ubicati di solito lungo le vie di penetrazione verso la pianura padana a quote superiori ai 500 metri, presentano soluzioni costruttive di notevole varietà, sia dal punto di vista dell'impianto urbanistico che della tipologia delle singole abitazioni.



Realizzati con tecniche costruttive improntate al risparmio sia della manodopera specializzata che dei materiali utilizzati, vengono eseguiti con tecniche murarie molto semplici e con l’ impiego di pietrame reperito sul posto, lavorato generalmente a spacco, senza rifiniture superficiali e messi in opera con pochissima malta.



Le coperture venivano realizzate con una struttura in legno di castagno con manto in scandole di legno o in lastre di pietra, che solo successivamente verranno sostituite da tegole in laterizio.



In alcuni casi sono ancora rintracciabili forme di abitazioni molto antiche come ad esempio quelle con al centro della cucina la stufa in ghisa un tempo utilizzata oltre che per la cottura dei cibi e per riscaldare l’ intero fabbricato, anche per l'essiccazione delle castagne poste nel secchereccio soprastante dal quale era separato dal “gre” un graticcio in listelli di castagno o rami intrecciati.




------------------------------------------------------


Canate di Marsiglia: dall’ abbandono alla rinascita

Alla scoperta ed alla ricerca del piccolo borgo di Canate di Marsiglia nell’ alta valle del torrente Bisagno, adagiato sulle pendici meridionali del monte Lago.

La sua storia e le sue caratteristiche raccontate nelle riprese di Riccardo Molinari, nelle foto di Paolo De Lorenzi e nella testimonianza di Sergio Ghiara vissuto da sfollato durante la seconda guerra mondiale proprio a Canate di Marsiglia.



-----------------------------------------------------





Time Laps ai forti di Genova


Nessun commento:

Posta un commento