lunedì 16 aprile 2012

Chiesa di San Ruffino di Cerendero


Il documento più antico relativo alla chiesa di San Ruffino di Cerendero è datato 25 novembre 1248.

La chiesa fu attiva fino al 18 gennaio 1475, quando per rinuncia del rettore su richiesta della famiglia Spinola, venne incorporata alla Plebana di Mongiardino, alla quale rimase unita fino al 14 novembre 1647 per poi ritornare nuovamente parrocchia indipendente.

Il 14 novembre 1647 si legge che la chiesa di San Rufino "de Cerenderio" sita nel territorio della parrocchia di San Giovanni Battista di Carranza "loci Mongiardino" è fatta parrocchia dal Cardinale Durazzo, separata dalla chiesa di Carranza, ed assegnata, come a suo primo rettore, al prete tortonese Tomaso Morando.

Nell’ anno 1915 don Agostino Tambutto parroco di Cerendero ringraziava i benefattori: "si impegno nella fabbricazione totalmente nuova e della chiesa parrocchiale, e del campanile e della canonica".

Il progetto fu affidato all' ing. Balbi, ed all’ impresario e capomastro, Giovanni Battista Maffeo detto "O Baccin" di Arezzo di Vobbia.

La cifra pattuita era di lire 5.900, ma la realizzazione della facciata non era compresa nel prezzo. A carico di San Ruffino anche la demolizione della vecchia chiesa e lo scavo per le fondamenta della nuova.
Il contratto è firmato nel 1898 dal parroco Agostino Tambutto, dal presidente della fabbriceria Giacomo Ratto, da altri fabbriceri e dall’ appaltatore Giovanni Battista Maffeo.
La prima pietra della chiesa venne posata il 26 giugno 1898, quella del campanile, il 15 luglio 1901.
San Ruffino viene consacrata il 17 luglio 1904.

Dai documenti dell’archivio parrocchiale risulta che la chiesa fu riparata più volte a partire dal 1790. Nel primo ventennio del 1800 l’arciprete di Mongiardino chiede all’intendente generale della provincia di Genova gli aiuti necessari a riparare la chiesa rovinata nel tetto.
Attualmente chiusa e dichiarata inagibile, sta precipitando poco a poco. Rimangono ancora le strutture murarie ancorchè gravemente compromesse e la copertura anche se si segnalano infiltrazioni che non promettono nulla di buono sulla conservazione.
Ancora visibili gli affreschi sulla volta e sulle pareti laterali in corrispondenza dell’ ingresso principale.
La chiesa a navata unica, ha un imponente campanile ed una annessa canonica disposta su tre piani in pessimo stato di conservazione.
Fonte: Arcidiocesi di Genova Relazione di ricerca nell’archivio parrocchiale di San Ruffino di Cerendero di Arrigo Boccioni.


















1 commento: