domenica 13 gennaio 2013

Riola di Mezzo - comune di Torriglia

Sono tornato a Riola di Mezzo per approfondire se possibile la sua storia e documentare il piccolo borgo.

 
Riola era una frazione del comune di Torriglia divisa in tre distinti agglomerati, denominati di Sopra, di Mezzo e di Fondo.

Riola di Sopra si raggiunge dal passo lungo la strada che collega Donetta a Pentema con una mulattiera - sulle mappe catastali indicata come Strada Comunale Torriglia Riola che è la stessa che con una deviazione conduce anche a Tecosa, altra frazione del comune di Torriglia.

Arrivarci non è particolarmente difficile, se si esclude l’ ultimo tratto in prossimità del paese dove è necessario farsi largo tra la vegetazione infestante. Particolarità di Riola di Sopra è la piccola chiesetta posta su di un pulpito con vista sulla valle sottostante, che purtroppo sta a poco a poco crollando.

Dalla piccola chiesetta il sentiero scende a mezza costa seguendo le curve di livello per raggiungere Riola di fondo. Dopo circa 10/15 minuti di cammino in corrispondenza di alcuni tornanti c’è sulla sinistra la deviazione che conduce alla frazione di Riola di mezzo. Non è molto semplice individuarla soprattutto quando c’è molta vegetazione ma una volta imboccata in circa 15 minuti si arriva a quello che rimane del piccolo agglomerato.

Delle case che formavano il piccolo borgo non è rimasto praticamente più nulla solo macerie e vecchi muri in pietra di difficile lettura anche a causa della vegetazione che ha ricoperto ormai tutto.

Unica eccezione un fabbricato posto lungo il greto di un piccolo torrente disposto su due piani ed un altro ancora dotato di copertura in tegole posizionato a valle dell’ abitato.

Il piccolo edificio posto in fregio al rivo ha una copertura in lastre di pietra e dalla sua conformazione potrebbe trattarsi di un vecchio mulino. Tale ipotesi potrebbe essere confermata dal fatto che all’ interno dell’ altro edificio ancora ben conservato al piano terra si trova un tronco di notevoli dimensioni che potrebbe fare pensare all’ albero su cui era fissata la ruota.

Altro particolare ancora leggibile è una vecchia vasca seminterrato; sul lato verso valle c’è ancora il tubo da cui ci si poteva attingere l’ acqua.

Nel fabbricato posto più a valle, avvolto da una fitta vegetazione, si possono ancora vedere i resti di una vecchia cucina al piano terra con panche in legno ed alcuni altri mobili mentre al piano superiore raggiungibile con una bella scala in pietra vi sono due camere con ancora i letti in ferro ed un vecchio materasso imbottito con foglie di mais.



Il fabbricato posto a valle dell' abitato


 

La vasca seminterrata





Accesso ad una stalla


 
La cucina al piano terra


 La cucina al piano terra



La camera da letto al piano primo

4 commenti:

  1. Sono felice che ci sai arrivato. è tutto come prima, ottime foto.

    RispondiElimina
  2. Mi piace particolarmente la foto della porta verde con la sedia.
    Bravo bravo.

    RispondiElimina
  3. La camera da letto sembra il fotogramma di un film. Magnifica!!!
    Bruna Martini

    RispondiElimina
  4. Letto l'articolo che ti riguarda sul Secolo XIX. Complimenti.
    Le foto sono molto suggestive. Se mi capiterà di trovare villaggi abbandonati meritevoli, te lo faccio sapere.

    RispondiElimina